365 Giorni Spalancati

Il 31 Dicembre 2017 sono terminati i 365 Giorni Spalancati. Obbligatori … era obbligatorio terminarli.

Un intero anno dove gli occhi non sono stati costantemente spalancati, ma costantemente mi sono obbligato ad aprirli un po’ di più, almeno per un attimo, ogni giorno.

Sarà banale, ma da inverno a inverno succede di tutto. Non c’è felicità o dolore che non siano passeggeri in 365 passaggi dal mattino al mattino successivo.

Assisti ad una successione vertiginosa di cose-emozioni-visioni-sogni-aperture-chiusure-incontri-parole-progetti-fallimenti-scontri-delusioni-sorprese … e quello che ottieni è una libreria di immagini. Nemmeno particolarmente interessante se non a tratti. Tutto è a tratti.

“Dettagli minimali in primo piano,
Più forti del dovuto e adesso so
Come fare non fare, quando dove perché
E ricordando che tutto va come va…”
(A Tratti – CCCP)

Ho pensato, durante ognuno dei 365 Giorni, di scrivere milioni di parole … ma sono rimaste tutte soltanto pensieri. Forse non a caso ho scelto di fare un lavoro che non ne prevede molte. Continuo a prediligere le immagini. L’avevo dimenticato ma ora lo ricordo.

Buonanno

 

Share Post

More Posts

Lascia un commento